Scrivono e parlano di noi

titolo box

145) Il Mattino di Padova 02.04.2017

144) VENETO7 31.03.2017

Sicurezza pubblica - Ciambetti "L'Inferno di Ponte di Nanto - il dramma di Graziano Stacchio e Robertino Zancan. Un libro che parla di tutti noi"

 (Arv) Venezia, 28 marzo 2017 - E’ stato presentato in data odierna, a Palazzo Ferro – Fini, il libro di Paolo Citran ‘L’Inferno di Ponte di Nanto’ che, come spiega il Presidente del Consiglio regionale del Veneto Roberto Ciambetti, “racconta sì il dramma di Graziano Stacchio e Robertino Zancan, ma in realtà entra nell’attualità quotidiana in quanto parla di tutti i cittadini, perché la vicenda al centro dell’opera potrebbe riguardare ciascuno di noi”.

“’Di Noi’ – continua Ciambetti - è il cognome del protagonista di uno dei rari film drammatici interpretato da Alberto Sordi, il Giuseppe Di Noi di ‘Detenuto in attesa di Giudizio’, regia di Nanni Loy, lungometraggio che narra la vicenda kafkiana di una persona innocente che finisce stritolata da un errore giudiziario, una storia drammatica che oggi potrebbe colpire ciascun cittadino, dato che ci troviamo di fronte ad un Sistema giudiziario inadeguato, che è indifferente all’aspetto umano delle persone”. “In Veneto – sottolinea il Presidente del Consiglio regionale - si stanno ormai diffondendo crimini sempre più odiosi ed insopportabili, in una realtà sociale già fortemente provata dalla crisi e in cui subire danni, anche in apparenza di lieve entità, provoca quindi un effetto destabilizzante. I cittadini provano un senso di smarrimento di fronte ad uno Stato che sembra tutelare gli aggressori piuttosto che gli aggrediti, che fa la voce grossa con i contribuenti ma appare debole con i delinquenti, senza peraltro saper garantire i diritti essenziali di ciascun individuo, in primis quello alla sicurezza sociale”.  “Il libro che presentiamo oggi – chiosa Roberto Ciambetti - narra l’Inferno di chi ha sete di Giustizia nell’Italia dei primi decenni del terzo millennio. Così,  al centro del volume non è semplicemente la storia di Graziano Stacchio o Robertino Zancan, ma la storia di ciascuno ‘Di Noi’”.  Il vicepresidente del Consiglio regionale, Massimo Giorgetti, sottolinea “come la presentazione, in questa prestigiosa sede istituzionale, del libro di Citran è stata fortemente voluta dal Gruppo consiliare di Forza Italia e dall’Assessore Donazzan, in quanto è nostra convinzione che sia fondamentale continuare a parlare di determinati episodi criminosi, che vanno al di là del puro fatto di cronaca, perché diventano veri e propri simboli e fungono da insegnamento”. “Ci troviamo di fronte ad uno Stato che colpisce le vittime di reato e invece eleva al rango di eroe chi è protagonista di episodi delinquenziali – continua Giorgetti - Così, tutti i giorni, ciascuno di noi rischia di essere coinvolto in episodi di aggressione, minaccia, violenza personale”. “Cito solo come esempio – prosegue il consigliere - il grave fatto di cronaca di cui è stata vittima ieri Katy Ferrigato, Assessore del comune di Sanguinetto, in provincia di Verona, che ha subito una vera e propria aggressione da una persona di colore… se fossi stato presente, sarei di certo intervenuto in difesa della signora, e probabilmente del sottoscritto si sarebbero occupate a lungo le cronache giudiziarie…”. “Pertanto – conclude Massimo Giorgetti - è fondamentale mantenere alta la guardia e la Politica deve ricercare soluzioni che tutelino i cittadini. Come Regione, ci siamo dotati di una normativa che dà supporto alle vittime di reato nella ristorazione delle spese legali affrontate, e questo è già un aspetto importante”. Secondo il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Massimiliano Barison “il libro parla di un fatto di attualità, che investe direttamente il problema dell’ambito della legittima difesa, ancora non risolto dalla normativa statale. E’ quindi impegno della Regione Veneto farsi carico della questione, affinché le vittime di reato non siano trattate alla stregua di carnefici, e viceversa”. L’autore del libro, Paolo Citran, Ispettore di Polizia, precisa come “il fatto narrato nel volume apparentemente sembri simile a tanti altri episodi di cronaca nera, ma in realtà si differenzi da tutti gli altri per quanto accaduto dopo, ovvero la forte partecipazione popolare che ne è scaturita, con tantissime persone che si sono schierate al fianco delle due vittime, sicuramente per uno spirito solidaristico, ma anche per una paura recondita di poter, un giorno, diventare esse stesse vittime della Giustizia, in uno Stato che non riesce ad assicurare la sicurezza come invece istituzionalmente dovrebbe garantire”. “Il mio libro – osserva Citran – vuole rimettere al centro le vittime di un reato, le loro emozioni, paure, frustrazioni, dato che spesso si sentono emarginate da una società che li giudica troppo superficialmente”. Graziano Stacchio, uno dei due ‘protagonisti’ del libro, suo malgrado, confessa “di rivivere sempre con immutato dolore ed angoscia la vicenda che lo ha coinvolto, travolto da un fatto criminoso che non riesci ad accettare, quando ti cade il mondo addosso e ti senti morire dentro”. “Non era certo mia intenzione uccidere – spiega Stacchio – volevo solo difendere i miei cari. A tutti noi dovrebbe essere garantito il sacrosanto diritto all’autodifesa”. L’Editore Mazzanti osserva come “ormai il nostro Codice Penale sia superato perché è figlio di una vecchia concezione per cui lo Stato concede solamente al cittadino i diritti, mentre invece oggi in capo a ciascuno di noi è riconosciuta la titolarità di diritti soggettivi, in primis quello alla sicurezza, diritti che sono solo delegati allo Stato affinché gli eserciti. E’ quindi compito della Politica rivedere quanto prima il reato di ‘eccesso colposo di legittima difesa’”. Il Sindaco di Nanto Ulisse Borotto evidenzia “come una comunità intera, sconvolta dall’episodio criminoso narrato nel libro, ha saputo stringersi attorno alle due vittime, come una famiglia. Per fortuna ora, in ordine alla tutela della legittima difesa, le cose stanno cambiando, in quanto la Magistratura avverte le sofferenze di una collettività ormai provata da una lunga teoria di episodi delinquenziali”.  

- See more at: http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pageContainer.jsp?n=80&p=80&c=5&e=88&t=1&idNotizia=32283#sthash.ErayVNpr.dpuf

143) Il Giornale 29.03.17

RegioneGIORegioneGIO [883 Kb]

142) Il Giornale 20.03.17

141) Il Giornale di Vicenza 29.03.17

RegioneGVRegioneGV [350 Kb]

140) La Nuova Venezia 29.03.17

139) Il Gazzettino 29.03.17

RegioneGazRegioneGaz [440 Kb]

138) Il Gazzettino 29.03.17

137) La Nuova Venezia 10.03.17

136) Il Gazzettino di Venezia 09.03.17

135) Il Gazzettino di Treviso 08.03.17

134) La Tribuna di Treviso 25.02.17

133) La Nuova Venezia 12.01.17

132) Il Gazzettino 12.01.17

131) Il Gazzettino 29.12.16

130) Veneziatoday.it 28.12.16

129) TGR RAI 27.12.16

128) La Nuova Venezia 28.12.16

127) Il Gazzettino 22.12.15

126) Il Gazzettino 19.10.16

125) Il Gazzettino 17.10.16

124) Sololibri.net 11.11.16

http://www.sololibri.net/La-maledizione-dell-artista-Menon.html

123) Il Gazzettino 11.11.16

122) La Tribuna di Treviso 06.11.16

121) L'Arena (WEB) 14.10.16

120) L'Arena di Verona 14.10.16

Arena_14_10_16Arena_14_10_16 [500 Kb]

119) La Nuova Venezia 14.10.16

118) Il Gazzettino 12.10.16

1Gazz_12_10_161Gazz_12_10_16 [638 Kb]

117) Il Gazzettino 12.10.16

116) Il Ponte rosso 16.09.16

115) Il Piccolo 03.10.16

114) La Nuova Venezia 29.09.16

113) Il Corriere del Veneto 28.09.16

112) La Nuova Venezia 27.09.16

111) Il Gazzettino 27.09.16

AAALPL_27_09_16AAALPL_27_09_16 [187 Kb]

110) La Nuova Venezia 23.09.16

109) La Nuova Venezia 20.09.16

108) Il Gazzettino 17.09.16

1gazz1709161gazz170916 [247 Kb]

107) Il Gazzettino 10.10.16

106) La Tribuna di Treviso 09.09.16

105) Corriere del Veneto

104) Il Gazzettino 09.09.16

103) La Nuova Venezia 04.09.16

102) Il Gazzettino 02.09.16